La pietà dell’acqua di Antonio Fusco (⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️)

Eccomi giunta al secondo romanzo per scoprire che “sempre di più mi piace” il personaggio del Commissario Casabona.  Sono colpita dalla sua intelligenza e umanità  e da come affronta e risolve i casi più difficili.

Questa volta siamo di fronte ad un caso oltremodo complicato, che riporta alla luce un passato sofferto e cupo. Gli elementi ci sono tutti: il paese sommerso, le storie nella storia, il fantasma, gli omicidi reali, il ritorno di un passato mai sepolto, l’acqua.

Il titolo, La pietà dell’acqua, è delicato e potente, quest’acqua che sommerge un intero paese per  lenirne le pene. Nasconde  e protegge le testimonianze del passato e non solo.

Anche l’onesta era sprofondata nelle acque del lago.

Dal lago, i morti chiedono verità, e così come si dice che i fiumi tendano a ritornare nel loro argine originale, a distanza di anni, le voci di chi non ha avuto giustizia tornano a risvegliare il sonno delle persone.

La memoria è una condanna e la verità spesso non si incontra con la giustizia, nonostante la cerchi disperatamente. Allora bisogna darle una mano affinchè i morti trovino pace.

E’ un ferragosto rovente, di quelli che lasciano senza fiato.

Il Commissario Casabona è in vacanza.  Una meritata pausa, unita al tentativo di rappezzare la relazione con la moglie Francesca.  Ad interrompere il momento di quiete, qualcosa di drammatico si profila all’orizzonte. Un omicidio improvviso, sotto gli occhi di tutti nel piccolo paese di Torre Alta. Sulla collina viene rinvenuto un cadavere, sotto quello che la gente del posto chiama, l’albero dell’impiccato.

Il senso di responsabilità di Casabona gli impone di ritornare con urgenza in questura.  Francesca offesa parte, senza lasciare tracce.

Una  incredibile serie di coincidenze a catena, un caso nel caso, che disturberà addirittura la polizia francese e la D.I.A.

Sembra impossibile trovare il colpevole e porre fine agli avvenimenti, riprendere le vacanze e chissà il discorso interrotto con Francesca.

A questo punto, se siete curiosi e sono certa lo siate, aprite il libro e iniziate.

Anche la fine ha un suo inizio. Un punto di svolta verso una direzione obbligata, senza ritorno

Il romanzo è avvincente e ricco di pathos. L’autore, Antonio Fusco, è  straordinario nel trasformare in immagini le parole  e catturare l’attenzione fin dalle prima pagina.

Gialli , noir e thriller sono sempre state le mie letture preferite e ne ho letto migliaia iniziando in tenera età con i gialli Mondadori e poi moltissimi  più e meno famosi, di autori italiani e esteri.

Le sue storie riescono ad essere uniche e speciali. Sia per come sono raccontate, sia per l’utilizzo di  uno stile fluido e accattivante, così perfetto che si arriva alla fine senza rendersene conto.

E poi c’è la curiosità che ispira per i luoghi, le atmosfere, la trama:  sembra di respirarli. Un invito al viaggio, e se ci si lascia trasportare dalla lettura, in un attimo si è già lì, assorbiti e catapultati negli eventi.

Ancora meglio, se si poteva, del precedente libro e soprattutto nuovo.

E’ un romanzo da tenere, leggere e rileggere, alla scoperta di un passaggio o un particolare non notato in precedenza. E’ come quei film che rivedresti all’infinito per accorgerti che c’è sempre da imparare.

Un ponte tra passato e presente, l’eterno conflitto tra coraggio, codardia e corruzione, un passato di cui si pagano ancora le conseguenze e il ricordo di tante persone che hanno dato la loro vita per la verità.

Commissario Casabona, lei emoziona e commuove,  incorruttibile e idealista. E come dice, così bene, Monique, incantevole e decisivo personaggio femminile della storia:

Se questo mondo ogni tanto fa un passo avanti è proprio grazie a persone come voi. Quelle che continuano a sognare, senza paura di essere prese come idioti.

Alla prossima storia, Commissario,  io ci sarò.

Annunci

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...