Dove sei stanotte di Alessandro Robecchi (⭐️⭐️⭐️⭐️)

img_1537La trama in breve

Siamo a Milano, è l’anno dell’Expo. Da un lato, la città indossa il suo vestito più scintillante, dove apparenza e futile, diventano le priorità. Dall’altro, le periferie della metropoli, dove gli abitanti convivono quotidianamente con disagi, disperazione, paura e convivenza forzata tra tante etnie. All’ombra di tutto questo, si muove il protagonista Carlo Monterossi, ideatore del format televisivo “Crazy Love”, un programma demenziale di successo. Durante la solita, annoiata festa organizzata nella sua abitazione, un ragazzo giapponese in fuga e ferito si nasconde da lui. Dopo aver ricevuto cure e assistenza, il giovane scompare improvvisamente e la casa è messa a soqquadro. Da quel momento per Carlo tutto cambia.

Che razza di posto, Milano.
Un ago nel pagliaio.
Un giapponese nel pagliaio.

Come l’ho letto io

Primo libro letto di Alessandro Robecchi e gradita sorpresa. In primis, ho adorato il modo in cui racconta Milano, in un periodo tra l’altro particolare quello dell’Expo. L’autore conosce e comunica perfettamente le diverse anime della città, i lati noti e in evidenza e quelli nascosti, che molti preferiscono non vedere, dove la quotidianità passa attraverso orrori e amarezza, ma dove le persone non indossano maschere.
Così, mi sono ritrovata a muovermi nel groviglio di strade e vie raccontate lungo le pagine, alcune delle quali le conosco molto bene. Immediatamente catapultata nella trama e nell’esistenza di una città che amo molto, e che potrebbe essere migliore, a partire da piccole attenzioni, come per esempio lasciare a casa l’auto.

… E poi durante la latitanza ha scoperto i mezzi pubblici. Che rivelazione! Dovreste provarci anche voi, funziona così: si paga un biglietto e vi portano in giro, più o meno nella direzione in cui volete andare, incredibile, eh?…

La storia inizia con una scomparsa e dei dati che potrebbero finire in mano alle persone sbagliate, la lettura è piacevole, le vicende sono condite di pungente ironia e umorismo. Carlo Monterossi, l’Uomo della televisione si deve nascondere in una realtà che neanche immaginava, piena di pericoli, ma soprattutto di rapporti umani veri e pieni di calore. Questo protagonista che inizialmente mi stava un po’ antipatico, si riscatta rivelando nel corso della storia un carattere e un’umanità inaspettata, dimostrandosi coraggioso e chissà, molto innamorato.

… e non dice niente perché non c’è niente da dire che non si sia già detto, e si addormentano così rubando l’uno l’aria dell’altro, a ogni respiro, tanto vicini.

Bella esperienza leggere questo libro, che vi suggerisco, per uscire un po’ dal giallo e dal noir classico.  E per scoprire che a volte proprio dietro le vicende più banali, si nascondono i peggiori mali e che la corruzione da nord a sud non fa sconti e resta sempre il mezzo più diffuso per concludere affari. E’ solo diventata negli anni più artefatta, più accorta ma tollerata in nome di un bene superiore, di cui sfugge il significato.

Last but not the least, mi piace troppo e dovevo scriverlo alla fine, le splendide rime delle canzoni di Bob Dylan e anche di questo ringrazio l’autore. Bob Dylan, che ha appena vinto un nobel, resta un grandissimo musicista e cantautore di cui conosco poco e che adesso ho voglia di leggere e ascoltare un po’ …

There’s a new day at dawn and I’ve finally arrived
If I’m there in the morning, baby, you’ll know I’ve survived
I can’t believe it, I can’t believe  I’m alive
But whitout you it just doesn’t seem right
Oh, where are you tonight?

 

Consigliato

Sì molto, non c’è bisogno che ve lo dica io. L’ultimo libro dell’autore “Torto marcio” è da settimane in vetta alle classifiche … e mi  sta aspettando

 

Titolo: Dove sei stanotte
 Autore: Alessandro Robecchi
 Editore: Sellerio
 Anno: 2015
 Pagine:  345
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...