Io sono con te di Melania G. Mazzucco (⭐️⭐️⭐️⭐️💫)

cdcebf83a1d665144b4a58d8f7d265

Quanto  vale una vita 

La trama in breve

Brigitte era una donna affermata nel suo paese, viveva  a Matadi, nella Repubblica Democratica del Congo. E  ora non ha più niente,  giunge  alla Stazione Termini di Roma, in pieno inverno, ha freddo, fame e paura.

Lei cammina. In verità, non è il verbo giusto. Per mettersi in cammino bisogna avere una direzione, e lei non ne ha. Lei passa.

Sola e povera  in un paese del quale non conosce la lingua.  Finchè un uomo l’avvicina, l’unico a rivolgerle la parola, la invita a recarsi al Centro Astalli,  dove ci sono persone che possono aiutarla. E’ un nuovo inizio per Brigitte, un tortuoso e difficile cammino

Come l’ho letto io

Il libro apre una finestra sulla realtà che vediamo ogni giorno, in ogni stazione, per le strade, davanti ai bar, lungo i marciapiedi. L’Africa con le sue tragedie è giunta fino a noi. Ognuno ha una storia, spesso spaventosa,  non immaginabile, che lo accompagna. A volte ricordano in parte, altre  modificano o creano nuove vite, per conquistare una possibilità.

Viene un momento in cui devi fare una scelta. Riguarda la tua coscienza, e hai una frazione di tempo per decidere. E’ capitato anche a me, quel pomeriggio di novembre. Può capitare a tutti. Non è vero che è un destino. Il male è sempre una scelta.

La storia di Brigitte è rappresentativa di tutte quelle donne arrivate in Italia. Hanno perso tutto, gli incubi vissuti sono tatuati sulla loro pelle. E in Italia tra burocrazia e corruzione, incapacità di accogliere e necessità di farlo, alcune  persone  dedicano la vita a loro, i più disgraziati, soli e senza nulla. Questo libro narra anche la loro storia di uomini straordinari.
Brigitte nel libro è accolta al Centro Astalli, dove è riconosciuta la sua dignità di persona, per la prima volta da quando è atterrata in Italia.

E’ il racconto di un dolore senza fine. L’urlo di persone dimenticate e calpestate, che sopravvivono trascinandosi in un limbo. Ma ci parla anche di un percorso di speranza. Ci sono pagine per piangere, altre per arrabbiarsi, altre per sentirsi piccoli e impotenti e passare dallo sconforto al calore e viceversa in poche righe.

Il centro Astalli è un’organizzazione attiva nel nostro paese, per conoscerlo meglio: http://centroastalli.it/
Dal centro nasce anche un blog di storie: https://servironline.wordpress.com/

Consigliato

Sì. E’ un libro che va letto. Un romanzo che restituisce una dimensione e una dignità a uomini a cui la vita ha tolto tutto e  li ha resi vittime del caso. Per ascoltare le mille voci dell’anima.

Kant diceva che tutto ha un prezzo eccetto l’uomo e la sua dignità

Grazie Brigitte per aver condiviso la tua storia e Grazie a Melania Mazzucco per averla raccontata, con sensibilità e parole uniche.

I  luoghi 

Un viaggio che parte 

Dalla Repubblica Democratica del Congo, Africa  centrale. Tra la Repubblica Centrafricana, il  Sudan, l’Uganda, il Ruanda, il Burundi e la Tanzania, lo Zambia e l’Angola. A ovest  l’oceano Atlantico e la Repubblica del Congo.
La superficie è di 2.345.000 km2 ca.
Si parla francese e a seconda delle zone: lingala, swahili, tshiluba, kikongo come nel caso di Brigitte. Religione principale cattolica.Clima tropicale, caldo umido tutto l’anno con temperature tra i 26° e 34. Il fuso orario va da -1 a + 1 rispetto all’ora legale in Italia, varia in base all’area geografica.
La fauna è incredibilmente ricca con specie rare e endemiche, leoni, elefanti, leopardi,  scimpanzé, gorilla, la rarissima  specie dei bonobo, giraffe, ippopotami, zebre,  bufali e varie specie di rettili e di uccelli, tutti a rischio, pur essendo inseriti in parchi naturali.
Si tratta di una nazione con immense risorse naturali, ridotta ad una povertà estrema a causa delle dominazioni, continue guerre, dittature, guerriglie interne, epidemie che distruggono uomini, animali, ecosistemi.
Matadi, la città di Brigitte, è il capoluogo della provincia del Congo Centrale. Kinshasa la capitale.
I viaggi nel paese sono sconsigliati. Numerose anche le emergenze sanitarie.

E arriva in Italia, a Roma  sulla quale riporto solo la prima impressione di Brigitte:

Caotica come Kinshasa, anche se il caos ha natura diversa. Qui ci sono più macchine e case che persone.

Titolo: Io sono con te
Autore: Melania Gaia Mazzucco
Editore: Einaudi
Anno: 2016
Pagine: 264

Annunci

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...